IW&SP | La Russia nel mirino di IW&SP
22976
single,single-post,postid-22976,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-ALPHA,vertical_menu_enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive
san-pietroburgo

La Russia nel mirino di IW&SP

Spedizione interessante, quella di fine maggio in Russia. Due tappe: la prima a Mosca, il 26, la seconda a San Pietroburgo, il 28. Due occasioni di incontrare professionisti del mercato e presentare i vini del nostro gruppo.

Solo Italiano Great Wines Tour, organizzato da IEM (International Exhibition Management), si è svolto con la classica formula del “walking tasting”, sia B2B che B2C. In complesso sono intervenuti circa 1.000 operatori che hanno dimostrato grande interesse per tutti i prodotti presentati.

Al termine della manifestazione, la nostra valutazione sul mercato russo è confermata. Le potenzialità non mancano ma il mercato è particolarmente complesso.

Il mercato russo

Le importazioni di vino italiano in Russia sono in costante crescita, nonostante la crisi che ha investito il paese nel 2014. Stime Wine Monitor su dati GTIS mostrano infatti, per i primi 10 mesi dello scorso anno, un incremento dell’import dei vini fermi imbottigliati italiani del +2,1% in valore e del +3,1% in volume, a cui si somma un’ulteriore crescita dell’8% del volume degli spumanti.



IW&SP utilizza i cookies per offrirvi una miglior esperienza di navigazione maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi